Saldo IMU dicembre 2012: aliquote ed agevolazioni seconde case

di Vito Verna Commenta

Queste ultime, come certamente saprete, sarebbero particolarmente costose, tanto da avere, in taluni particolari casi, un'aliquota addirittura superiore al 100% rispetto a quella imposta alle prime case, nel caso in cui restino sfitte.

Saldo IMU dicembre 2012: aliquote ed agevolazioni seconde case

Vediamo ora, dopo avervi accuratamente descritto le agevolazioni e le aliquote IMU che una buona parte dei Comuni italiani, comunque non superiore al 20% del totale, avrebbero stabilito per le prime case dei propri cittadini contribuenti, le aliquote e le agevolazioni fiscali che quegli stessi Comuni, analizzati in precedenza, avrebbero stabilito in relazione alle seconde case.

EBOOK GRATIS SULL’IMPOSTA MUNICIPALE UNICA 2012

Queste ultime, come certamente saprete, sarebbero particolarmente costose, tanto da avere, in taluni particolari casi, un’aliquota addirittura superiore al 100% rispetto a quella imposta alle prime case, nel caso in cui restino sfitte.

IMU PIU’ COSTOSA DELLA VECCHIA ICI

Un affitto con canone concordato, in moltissimi casi, può certamente provvedere a ridurre la su indicata aliquota sino  renderla molto simile, se non addirittura equivalente, a quella delle prime case.

COMUNE DI MILANO

Relativamente alle seconde case il Comune di Milano avrebbe stabilito un’aliquota IMU pari all’1,06%.

LA CHIESA CATTOLICA PAGHERA’ L’ICI

Quest’ultima verrà ridotta sino allo 0,96% nel caso in cui l’abitazione sia data in affitto con canone libero e sino allo 0,65% nel caso in cui l’abitazione sia data in affitto con canone concordato.

COMUNE DI BARI

Relativamente alle seconde case il Comune di Bari avrebbe stabilito un’aliquota IMU pari all’1,06%.

Quest’ultima verrà ridotta sino allo 0,76% nel caso in cui l’abitazione sia data in uso gratuito ai parenti di primo grado e sino allo 0,4% nel caso in cui l’abitazione sia data in affitto con canone concordato, nel caso in cui il proprietario risieda all’estero e nel caso in cui il proprietario sia portatore di handicap.

COMUNE DI CATANIA

Relativamente alle seconde case il Comune di Catania avrebbe stabilito un’aliquota IMU pari all’1,06%.

Quest’ultima verrà ridotta sino allo 0,96% nel caso in cui l’abitazione sia data in affitto con canone concordato.

COMUNE DI VENEZIA

Relativamente alle seconde case il Comune di Venezia avrebbe stabilito un’aliquota IMU pari all’1,06%.

Quest’ultima verrà ridotta sino allo 0,76% nel caso in cui l’abitazione sia data in uso gratuito ai parenti di primo grado e nel caso in cui l’abitazione sia data in affitto con canone concordato, sino allo 0,4%  nel caso in cui il proprietario risieda all’estero e sino allo 0,3% nel caso in cui il proprietario sia portatore di handicap.

COMUNE DI VERONA

Relativamente alle seconde case il Comune di Verona avrebbe stabilito un’aliquota IMU pari all’1,06%.

Quest’ultima verrà ridotta sino allo 0,46% nel caso in cui l’abitazione sia data in uso gratuito ai parenti di primo grado e nel caso in cui l’abitazione sia data in affitto con canone concordato e sino allo 0,4% nel caso in cui il proprietario sia una persona anziana ricoverata

COMUNE DI PADOVA

Relativamente alle seconde case il Comune di Padova avrebbe stabilito un’aliquota IMU pari all’1,06%.

Quest’ultima verrà ridotta sino allo 0,76% nel caso in cui l’abitazione sia data in affitto con canone concordato e sino allo 0,4% nel caso in cui il proprietario sia una persona anziana ricoverata.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>