Che cos’è l’insolvenza fraudolenta

di Vito Verna 1

L'insolvenza fraudolenta, simile alla truffa, consiste nel contrarre un debito che non si ha intenzione o non si può ripagare.

Una forma attenuata, diversa, della truffa, che abbiamo avuto modo, recentemente, di analizzare, è l’insolvenza fraudolenta, reato contro il patrimonio che ben si inserisce nella revisione dei reati finanziari che Politikos sta effettuando ormai da qualche tempo.

L’insolvenza fraudolenta, secondo l’ordinamento giuridico italiano, è quel reato secondo il quale un soggetto, nascondendo la propria indigenza o mentendo in merito alla propria situazione economico-finanziaria, contrae un debito con il proposito di non adempiere ai propri obblighi diventando, così, insolvente.

La differenza con la truffa sta nel fatto che, in questo caso specifico, il colpevole non agisce utilizzando i raggiri e gli inganni tipici della prima.


[LEGGI] CHE COS’È  IL RICICLAGGIO DI DENARO

Esempio classico di questo reato è quello dell’avventore di un qualsiasi servizio di ristorazione che, dopo aver ordinato e aver mangiato e aver quindi contratto un debito, non assolve al proprio obbligo o perché realmente sprovvisto della somma monetaria necessaria al pagamento dei propri oneri finanziari, o perché, fingendo di non avere disponibilità economiche, cerca di sfuggire all’adempimento dei propri doveri finanziari e morali.

Questo tipo di reato è punibile penalmente, con la reclusione sino a due anni, o soltanto civilmente, con la corresponsione di una multa pari a 516 euro.

[LEGGI] CHE COS’È L’AGGIOTAGGIO

Per la configurazione del reato, come già si dovrebbe essere intuito, sono necessari tre passaggi successivi (sebbene sull’ultimo vi sia ancora in corso un acceso dibattito in merito al fatto che si configuri effettivamente come elemento costitutivo del reato o soltanto come causa obiettiva di punibilità):

– contrarre un debito o una qualche altra forma di obbligazione

– il proposito di non adempierla

– la mancanza dell’adempimento dell’obbligo.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>