Contrassegno invalidi reato sostituzione di persona

di Alessandro Bombardieri Commenta

Non è possibile stabilire con certezza che l'uomo avesse lasciato il contrassegno in auto apposta in modo da trarre in inganno i vigili.

auto-contrassegno-invalido-324

Una persona che espone il contrassegno di invalidità non suo, ma non sfrutta i parcheggi predisposti per persone disabili, non è punibile per reato di sostituzione di persona, secondo quanto stabilito dalla Corte di Cassazione.

In questo modo viene annullata l’ordinanza con cui il tribunale del riesame di Firenze aveva condannato il ricorrente che aveva parcheggiato in area pedonale con il cartellino esposto.

E’ stato infatti deciso che non è possibile stabilire con certezza che l’uomo avesse lasciato il contrassegno in auto apposta in modo da trarre in inganno i vigili.

In precedenza si era ritenuto che fosse stato usato un falso stato di accompagnatore di invalidi, per aver esposto il simbolo distintivo appartenente alla suocera.

Secondo gli ermellini bisogna applicare una normale multa del codice della strada per divieto di sosta e nient’altro.

L’esposizione del contrassegno, in assenza di azioni dirette a trarre in inganno per attribuirsi la veste di accompagnatore, non può far scattare il reato di sostituzione di persona.

Questa sentenza riguarda dunque la buona fede, perchè il guidatore poteva aver solamente dimenticato il contrassegno esposto, ed aver commesso l’infrazione di divieto di sosta per altri motivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>