Sanzione creatori gruppo Facebook contro bambini down

di Alessandro Bombardieri Commenta

Carfagna lo ha descritto come un gruppo inaccettabile, non degno di persone civili, pericoloso e anche noi ci uniamo alle parole del ministro.

facebook

Purtroppo da Internet ogni tanto arrivano anche storie brutte come quella di ieri in Italia, dove su Facebook è nato un gruppo che incitava alla violenza contro i bambini down.

Come dichiarato da Mara Carfagna, ministro per le Pari Opportunità, un conto è la libertà di parola mentre un altro conto è usare un servizio di social network per scopi ignobili come questo.

Verso le ore 19 di ieri sera, a poche ore dall’apertura del gruppo, si contavano già 1.300 iscritti, ma questo numero è anche drogato da quelli che si iscrivevano per contestare il gruppo stesso.

Carfagna lo ha descritto come un gruppo inaccettabile, non degno di persone civili, pericoloso e anche noi ci uniamo alle parole del ministro.

D’altra parte però dobbiamo anche segnalare che fin da subito ci sono state persone civili e con un cuore che hanno cercato in tutti i modi di far chiudere questo gruppo osceno e fortunatamente il risultato è stato ottenuto anche in tempi brevi.

Il fondatore del gruppo si è nascosto dietro al nick “Il vendicatore mascherato” e non riportiamo le parole scritte nella descrizione del gruppo solo per non fargli pubblicità perché non se la merita affatto.

Il gruppo è stato cancellato da Facebook in serata grazie all’intervento anche della Polizia Postale e delle migliaia di segnalazioni. Ci uniamo all’invito della Carfagna sperando che gli ideatori del gruppo vengano trovati e puniti penalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>