Nuovo Codice della Strada autotrasporti sanzioni più severe

di Alessandro Bombardieri Commenta

L'obiettivo delle nuove norme è quello di punire chi guida troppe ore, fuori dal limite giornaliero prestabilito.

Con l’entrata in vigore del nuovo Codice della Strada, sono stati introdotti limiti più severi anche per quel che riguarda gli autotrasportatori, in particolare per quanto concerne le ore di guida.

La nuova normativa si focalizza principalmente su quelle imprese che non concedono il giusto riposto agli autisti, proprio in tal senso il ministero del Lavoro ha già provveduto a dare delle istruzioni operative al personale che dovrà poi operare le ispezioni.

L’obiettivo delle nuove norme, che saranno operative da venerdì 13 agosto, è quello di punire chi guida troppe ore, fuori dal limite giornaliero prestabilito.

Il regolamento Ce 561/2006 si applica al trasporto di merci su strada per veicoli con massa superiore alle tre tonnellate e mezza, e di persone (più di nove).

A registrare le ore di guida è il cronotachigrafo, in assenza di questo dispositivo vengono comunque annotate le ore sui registri di servizio.

In caso di violazione delle ore di guida, la nuova legge prevede due soglie (10 e 20%) superate le quali scattano pesanti sanzioni, con una sanzione che può variare su tre diversi importi, con incrementi tra l’importo minimo e quello massimo pari quasi a dieci volte.

In egual modo vengono punite anche le violazioni sul mancato riposo giornaliero e settimanale. Inoltre, in caso di incidente che vede coinvolto l’autotrasportatore, l’organo accertatore dovrà segnalare il fatto alla direzione provinciale del Lavoro, la quale provvederà ad una verifica del cronotachigrafo.

Il nuovo CdS inoltre introduce pene molto più severe per guida in stato di ebbrezza da parte degli autisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>