Scioglimento delle camere ed elezioni. Domani si firma

di Daniele Pace Commenta

Spread the love

Con l’ipotesi dell’approvazione dello ius soli che sembra ormai definitivamente tramontata, il presidente della Repubblica sarebbe pronto a firmare lo scioglimento delle Camere, forse anche domani. L’approvazione della contestata legge sulla cittadinanza ai figli degli immigrati era l’unico ostacolo alle nuove elezioni, ma visto che non riuscirà a sostenere un passaggio veloce, sarà rimandata alla prossima legislatura. Tutti ormai sembrano concordi nell’andare alle urne e già domani il Consiglio dei ministri potrebbe emanare il decreto per la tornata elettorale da tenersi il 4 marzo. A nulla sono valsi gli appelli di quelle forze politiche favorevoli alla cittadinanza per i figli degli immigrati. Il Colle, pur essendo favorevole, non ha potuto far altro che essere realista e passare oltre.

Domani il presidente parlerà con i presidenti di Camera e Senato per ufficializzare l’iter già nel pomeriggio, così come la presidenza del Consiglio. Il 4 marzo sembra la data su cui tutti vertono, in modo da non far presentare le dimissioni a Gentiloni che potrà così agire fino a fine mandato, senza dover ricorrere all’amministrazione ordinaria, che paralizzerebbe scelte delicate per più di due mesi.
Poi saranno elezioni, dai risultati ancora incerti e per molti versi politicamente “pericolose”. Il capo dello Stato si augura di vedere una maggioranza stabile, dopo il voto, ma nulla è garantito.