Incentivi fotovoltaico 2011

di Alessandro Bombardieri Commenta

È pre­vista una ridefinizione dei mec­ca­n­ismi di incentivazione.

Il decreto 2011 nuove dis­po­sizioni e incen­tivi sul foto­voltaico prevede una ridefinizione dei mec­ca­n­ismi di incentivazione.

Con il decreto n. 28 del 3 marzo 2011 è stata recepita la diret­tiva 2009/28/CE, commi 9 e 10 dell’articolo 25, che prevede una ridefinizione dei mec­ca­n­ismi di incen­ti­vazione per gli impianti foto­voltaici.

Il decreto stabilisce che gli impianti foto­voltaici che entr­eranno in eser­cizio entro il 31 mag­gio 2011 avranno diritto agli incentivi previsti dal Terzo Conto Energia.

Invece per gli impianti che entreranno in funzione dopo il 31 maggio 2011, a decidere gli incentivi sarà un decreto del Min­istro dello sviluppo eco­nom­ico. Avranno comunque diritto agli incentivi con le tariffe precedenti i soggetti che
– hanno concluso entro il 31 dicem­bre 2010, l’installazione dell’impianto foto­voltaico;
– hanno comu­ni­cato la fine lavori entro il 31 dicembre 2010 all’amministrazione com­pe­tente al rilas­cio dell’autorizzazione, al gestore di rete ed al Gestore dei servizi elettrici-GSE S.p.a.;
– hanno fatto entrare in esercizio l’impianto entro il 30 giugno 2011.

I principi che regoleranno il Quarto Conto Energia invece sono i seguenti:
– deter­mi­nazione di un lim­ite annuo di potenza elet­trica cumu­la­tiva degli impianti foto­voltaici che pos­sono ottenere le tar­iffe incen­ti­vanti;
– deter­mi­nazione delle tar­iffe incen­ti­vanti tenuto conto della riduzione dei costi delle tec­nolo­gie e dei costi di impianto e degli incen­tivi appli­cati negli Stati mem­bri dell’Unione euro­pea;
– pre­vi­sione di tar­iffe incen­ti­vanti e di quote dif­feren­zi­ate sulla base della natura dell’area di sed­ime;
– appli­cazione delle dis­po­sizioni dell’articolo 7 del decreto leg­isla­tivo 29 dicem­bre 2003, n. 387.

Il decreto stabilirà nuovi incentivi per la seconda metà del 2011, poi creerà un nuovo sis­tema dal 1 gen­naio 2012 che sarà sim­ile al mod­ello tedesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>