Gli ultimi aggiornamenti sul conflitto tra Russia e Ucraina: guerra più distante

di Daniele Pace Commenta

Analisi utile sul momento molto delicato che stiamo vivendo al confine

Occorre tutta la prudenza del caso, come è logico che sia in circostanze del genere, ma ci sono nuovi elementi per valutare meno probabile il conflitto tra Russia e Ucraina. Questo mercoledì, infatti, la stessa Russia ha affermato che le esercitazioni militari nella Crimea annessa a Mosca sono terminate e che i soldati stanno tornando alle loro guarnigioni, il giorno dopo aver annunciato un primo ritiro delle truppe dai confini dell’Ucraina. Martedì alcune delle sue unità militari stavano tornando alle loro basi dopo esercitazioni vicino all’Ucraina e hanno deriso i ripetuti avvertimenti occidentali.

Russia

Riscontri sugli aggiornamenti in merito al possibile conflitto tra Russia e Ucraina

La Russia sarà “giudicata dalle sue azioni” dopo aver annunciato il ritiro delle truppe dai confini dell’Ucraina, ha dichiarato mercoledì il ministro della Difesa britannico Ben Wallace. “Quello che non abbiamo visto è la prova del ritiro che è stata rivendicata dal Cremlino”, ha detto Wallace a Sky News. “In effetti, abbiamo visto il continuo accumulo di cose come ospedali da campo e sistemi di armi strategiche come i missili Iskander schierati”, ha detto, aggiungendo che la Gran Bretagna “li giudicherà in base alle loro azioni”.

“Fino a quando non vedremo un’adeguata riduzione dell’escalation, penso che dovremmo essere tutti cauti sulla direzione di marcia dal Cremlino”. la lunga esperienza degli ucraini di vivere all’ombra della Russia li rende diffidenti nei confronti delle recenti mosse che suggeriscono che Mosca potrebbe attenuare la tensione, solo un po’.

In primo luogo, il ministro degli esteri russo ha consigliato al presidente Vladimir Putin che aveva senso continuare a parlare con l’Occidente e negoziare le sue richieste di sicurezza. Poi Putin ha ripetuto quelle richieste martedì, pur insistendo sul fatto che non “voleva la guerra”.

Lo stesso giorno, il suo ministero della Difesa ha annunciato che alcune truppe stavano tornando alle loro guarnigioni “come previsto” e ha pubblicato il video di carri armati che rotolavano su una strada mentre un soldato con bandierine bloccava il traffico nella neve. Il ministro degli Esteri ucraino ha dato poca importanza alle presunte prove.

“Noi in Ucraina abbiamo una regola: non crediamo a ciò che sentiamo, crediamo a ciò che vediamo”, ha scritto Dmytro Kuleba su Twitter. “Se un vero ritiro seguirà queste affermazioni, crederemo nell’inizio di una vera e propria de-escalation”. Poche ore dopo, il ministero della Difesa di Kiev ha riferito che il suo sito web era stato violato. Anche il servizio di due grandi banche è stato interrotto. La causa non è chiara, ma l’Ucraina ha subito gravi attacchi informatici prima di collegarsi alla Russia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>