Putin tra legge marziale ed uso nucleare: gli ultimi sviluppi

di Daniele Pace Commenta

Il punto della situazione, a proposito della prossima mossa da parte del leader politico russo

Ci sono timori a proposito della prossima mossa di Putin, in relazione alla legge marziale introdotta in Russia, senza dimenticare la storia del nucleare. Occorre fare il punto della situazione, anche perché stiamo vivendo un momento abbastanza complesso a proposito del conflitto in corso tra Russia ed Ucraina, per il quale diventa molto difficile prevedere le prossime mosse degli attori coinvolti. A partire proprio dal leader russo.

Putin

Cosa vuol fare Putin, tra legge marziale ed utilizzo del nucleare

Il presidente Vladimir Putin dovrebbe diventare più imprevedibile e potrebbe ordinare la legge marziale in Russia per sostenere le sue ambizioni in Ucraina, ha dichiarato martedì il direttore dell’intelligence nazionale degli Stati Uniti Avril Haines.

Gli obiettivi di Putin sono superiori alle capacità militari russe, e questo “probabilmente significa che nei prossimi mesi potremmo vederci muoverci lungo una traiettoria più imprevedibile e potenzialmente escalation”, ha detto Haines in un’audizione al Senato.

“L’attuale tendenza aumenta la probabilità che il presidente Putin si rivolga a mezzi più drastici, tra cui l’imposizione della legge marziale, il riorientamento della produzione industriale o opzioni militari potenzialmente escalation per liberare le risorse necessarie per raggiungere i suoi obiettivi”, ha affermato. Haines ha anche affermato che è improbabile che Putin ordini l’uso di armi nucleari a meno che la patria russa non affronti una “minaccia esistenziale”.

Quali sono gli obiettivi di Putin a lungo termine? Negli USA hanno pochi dubbi in merito. Haines, che stava informando la commissione per i servizi armati del Senato, ha inoltre affermato: “La nostra valutazione è che si sta preparando per un conflitto prolungato durante il quale intende ancora raggiungere obiettivi oltre il Donbas dell’Ucraina sudorientale e costruire un ponte terrestre verso la Transnistria, il Territorio controllato da Mosca in Moldova”.

Tuttavia, ha ulteriormente descritto come “solo un cambiamento temporaneo” la decisione del leader 69enne di concentrare le forze russe nel Donbas dopo la loro incapacità di catturare Kiev, la capitale ucraina. Inoltre, le osservazioni di Haines arrivano in un momento in cui ci sono state rinnovate speculazioni su Putin che potrebbe non stare bene. La sua apparizione durante l’annuale Victory Parade di lunedì a Mosca – è stato visto seduto con una coperta sulle gambe mentre la parata procedeva – ancora una volta ha suscitato speculazioni sulla sua salute.

A marzo, sono emerse notizie secondo cui l’ex spia sarà sottoposta a cure per il cancro. Da parte sua, il Cremlino ha negato più volte che il presidente sia in cattive condizioni di salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>