La Grecia ha scelto di nuovo l’Europa

di Vito Verna Commenta

Ha vinto, potremmo sostenere, il buon senso e la consapevolezza, di cui conserviamo intatta la speranza, che la frattura di cui sopra possa definitivamente venir ricucita e ricomposta per il bene di quella che auspichiamo possa divenire una nuova e più unitaria Unione Europea.

La Grecia ha scelto di nuovo l'Europa

La Grecia, nonostante tutto, avrebbe scelto, grazie alle elezioni politiche di domenica 17 giugno 2012, nuovamente l’Unione Europea e la moneta unica di questa vasta, e quanto mai particolare, realtà politica, finanziaria ed economica che, per troppo tempo e troppo a lungo, sarebbe stata vista come l’unione di più nazioni e non già come un unico soggetto capace di sfruttare, nel migliore dei modi, le peculiarità di ogni singolo Paese.

RECORD DISOCCUPATI FEBBRAIO 2012

La frattura, evidentissima, tra mercati ed ingerenze finanziarie da una parte e democrazia ed economia dall’altra, si sarebbe in Grecia così acuita che, alla vigilia del fondamentale voto di ieri, molti avrebbero potuto giurare che il Paese ellenico avrebbe scelto di uscire dall’euro trascinando con sé, purtroppo, gran parte delle nazionali economicamente prossime quali la Spagna, l’Irlanda, il Portogallo, l’Italia e distruggendo un progetto, quello della moneta unica, che mai come in questi ultimi 4 anni sarebbe stato messo così a dura prova.

RECORD FALLIMENTI PMI NEL 2011

Ha vinto, potremmo sostenere, il buon senso e la consapevolezza, di cui conserviamo intatta la speranza, che la frattura di cui sopra possa definitivamente venir ricucita e ricomposta per il bene di quella che auspichiamo possa divenire una nuova e più unitaria Unione Europea.

LA FINE DELLO STATO SOCIALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>