Il Senato approva la revisione della spesa pubblica

di Vito Verna Commenta

E' prevista a partire dalle ore 17:00 di oggi, giovedì 5 luglio 2012, la seduta del Consiglio dei Ministri che darà ufficialmente il via alla cosiddetta Fase 2 della Spending review

Il Senato approva la revisione della spesa pubblica

E’ prevista a partire dalle ore 17:00 di oggi, giovedì 5 luglio 2012, la seduta del Consiglio dei Ministri che darà ufficialmente il via alla cosiddetta Fase 2 della Spending review che, entro 24 ore, sicuramente emetterà un decreto attuativo grazie al quale la razionalizzazione e la revisione della spesa pubblica potranno diventare effettivamente operativi.

RIFORMA DEL LAVORO SFATA IL MITO DELL’ARTICOLO 18

Il voto di ieri presso il Senato della Repubblica, infatti, altro non avrebbe fatto se non portare a conclusione la Fase 1 che, oltre ad aver ufficialmente confermato la nomina di Enrico Bondi a Commissario della Spending review, avrebbe anche, e soprattutto, delineato, con certezza e precisione, il quadro normativo di riferimento all’interno del quale i tagli alla spesa pubblica, che a partire da oggi pioveranno sul tavolo dei lavori del Governo Monti per essere esaminati dal Consiglio dei Ministri, potranno venir effettuati, appunto, a norma di legge.

RIFORMA DEL WELFARE 2012

Tagli che, come avrebbero più e più volte avuto modo di ribadire i diretti interessati, verranno proposti sia dai singoli Ministeri, che in questi mesi ed in questi giorni avrebbero cercato di individuare, nella gestione interna del proprio mastodontico apparato, tutti i possibili, ed apparentemente insignificanti, piccoli sprechi, a partire dall’eventuale eccedenza degli organici, sia da Enrico Bondi in persona dal quale, in particolar modo, si attenderebbero le adeguate indicazioni per procedere all’individuazione di ben 3,3 dei 5 miliardi che il Presidente del Consiglio Mario Monti avrebbe tutte le intenzioni di razionalizzare già a partire dal 2012.

RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>