Delega al Governo Monti per il nuovo Codice degli Appalti

di Vito Verna Commenta

Il ddl Anticorruzione, recentemente approvato, con voto di fiducia, dal Senato della Repubblica, avrebbe introdotto, tra le altre, numerose nuove norme inerenti lavori ed appalti pubblici (quest'ultimi, gonfiati sino al 40% proprio a causa della corruzione, peserebbero per oltre 60 miliardi di euro l'anno sull'economia e sulla finanza italiane).

Delega al Governo Monti per il nuovo Codice degli Appalti

Il ddl Anticorruzione, recentemente approvato, con voto di fiducia, dal Senato della Repubblica, avrebbe introdotto, tra le altre, numerose nuove norme inerenti lavori ed appalti pubblici (quest’ultimi, gonfiati sino al 40% proprio a causa della corruzione, peserebbero per oltre 60 miliardi di euro l’anno sull’economia e sulla finanza italiane).

COMBATTERE L’EVASIONE FISCALE CON IL WEB 2.0

Codesta innovativa normativa, oltre a cercare di arginare il più possibile il gravissimo problema di cui sopra, avrebbe altresì, purtroppo, contribuito ad aumentare, rendendolo ancora ed oltre modo confusionario, l’intervento del Governo Monti in materia di appalti pubblici giacché, come forse saprete, sarebbero sino ad oggi oltre 120 i provvedimenti che, grazie ai più differenti decreti ed alle più differenti riforme, l’attuale esecutivo avrebbe definitivamente approvato in questo primo anno di attività.

LA SVOLTA DI PRIMAVERA DELLA LOTTA ALL’EVASIONE FISCALE

Da qui l’idea, ancora in fase di definizione, della promulgazione di una specifica legge delega che, nei prossimi mesi, consenta al Governo Monti non soltanto di armonizzare, fra di loro, le 120 norme di cui sopra bensì anche, e sopratutto, di armonizzare i su indicati 120 provvedimenti di cui sopra con la legge 163/2006 e con le direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE dando vita ad un nuovo e più solido, possibilmente più efficace, impianto normativo che possa un giorno scaturire nella definizione di un innovativo e moderno Codice degli Appalti.

L’ITALIA E’ IN RECESSIONE

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>