Fisco record con prelievo fino al 55%

di Lucia Guglielmi Commenta

Secondo il Presidente della Confcommercio è necessaria una terapia d’urto attraverso una riduzione della tasse che da un lato liberi finalmente l’economia, e dall’altro sostenga la crescita.

Nel nostro Paese i consumi e gli investimenti sono zavorrati da una pressione fiscale che, per chi paga le tasse onestamente, è arrivata al 55%. A farlo presente è stato Carlo Sangalli, Presidente della Confcommercio, nel corso di un convegno dal titolo “Liberare l’economia: meno tasse più crescita” tenutosi a Roma.

Secondo il Presidente della Confcommercio è necessaria una terapia d’urto attraverso una riduzione della tasse che da un lato liberi finalmente l’economia, e dall’altro sostenga la crescita.




FINANZIAMENTO PUBBLICO AI PARTITI E RIMBORSO ELETTORALE

A tal fine per il Presidente della Confcommercio serve un impegno fortissimo riducendo da un lato le aliquote a chi paga le tasse, e dall’altro migliorando la lotta all’evasione ed all’elusione senza tralasciare i tagli alla spesa pubblica inefficiente ed improduttiva.

LA SPAGNA CHIEDERA’ 100 MILIARDI EURO ALL’UNIONE EUROPEA

In questo modo si attiverebbe un ciclo virtuoso che avrebbe come primo fattore scatenante quello di riportare la fiducia tra le imprese ed i lavoratori con ripercussioni chiaramente positive sul ciclo economico e sulla sostenibilità della crescita nel medio e nel lungo termine. D’altronde non esiste economia industrializzata dove ci sia crescita economica senza un adeguato clima di fiducia da parte dei consumatori e delle aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>