La conferenza stampa di Mario Draghi

di Vito Verna Commenta

Una notizia giunta come una ventata d'aria fresca che avrebbe fatto bene sia ai mercati finanziari europei, che in questo momento starebbero registrando valori decisamente positivi, che allo spread tra i titoli di Stato italiani ed i titolo di Stato tedeschi che, in questo momento, sarebbe sceso sotto quota 400 punti base.

La conferenza stampa di Mario Draghi

La conferenza stampa di Mario Draghi, cominciata alle ore 14:30 successivamente al termine del Consiglio Direttivo della Banca Centrale Europea, avrebbe sino a questo momento ottenuto i benefici effetti sperati.

10.000 DIPENDENTI STATALI IN MOBILITA’

Il numero uno dell’EuroTower avrebbe infatti annunciato, senza alcun indugio e senza perdere altro tempo prezioso, che la Banca Centrale Europea non toccherà ulteriormente i tassi di interesse, come recentemente suggerito dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico bensì darà seguito al proprio annunciato piano anti-spread.

DETTAGLI DECRETO SEMPLIFICAZIONI 2012

Quest’ultimo, sul quale Mario Draghi non avrebbe ancora rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale e del quale, dunque, ancora oggi non si conoscerebbero nello specifico i dettagli, dovrebbe comunque consistere nell’acquisto da parte della Banca Centrale Europea, anche in misura illimitata, dei bond dei Pesi dell’Unione Europea maggiormente in difficoltà intervenendo direttamente, dunque, sul mercato secondario del debito pubblico.

SPRECHI DEL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE

Una notizia giunta come una ventata d’aria fresca che avrebbe fatto bene sia ai mercati finanziari europei, che in questo momento starebbero registrando valori decisamente positivi, che allo spread tra i titoli di Stato italiani ed i titolo di Stato tedeschi che, in questo momento, sarebbe sceso sotto quota 400 punti base.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>