Clausola gravidanza contratti RAI

di Vito Verna Commenta

La RAI modificherà la cosiddetta clausola anti-gravidanza.

Molti di voi sicuramente conosceranno, per averne sentito parlare in televisione piuttosto che per averne letto sui giornali, della scabrosa vicenda che, negli scorsi giorni, avrebbe coinvolto la RAI a causa della presenza, nei propri contratti di lavoro, di una particolarissima clausola, individuata in modo totalmente casuale, che costringerebbe l’Azienda a licenziare le donne che dovessero rimanere incinta nel corso della propria prestazione lavorativa.

RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

In realtà, come i vertici della Rai Radiotelevisione Italiana S.p.A. avrebbero immediatamente tenuto a precisare, la normativa cui la clausola farebbe riferimento riguarderebbe, in maniera esclusiva, i contratti di lavoro autonomo che, per precisa, ed inesplicata, scelta del legislatore, godrebbero di minori tutele rispetto ai contratti di lavoro dipendenti, siano essi subordinati, oppure a progetto oppure ancora a tempo determinato (i precari assunti dalla RAI, nonostante la propria condizione di instabilità, non correrebbero, in realtà, alcun rischio).

RIFORMA DEL WELFARE

Insomma, stando alle puntualizzazioni di Lorenza Lei, direttore generale delle televisione pubblica italiana, i contratti di lavoro autonomo sarebbero regolati in modo che entrambe le parti, senz’alcun preavviso o spiegazione di sorta, possano definitivamente interrompere qualsiasi rapporto lavorativo.

TAGLI AL WELFARE NELLA LEGGE DI STABILITA’

La RAI, dunque, altro non avrebbe fatto che applicare una normativa, come specificato dalla nota informativa rilasciata in queste ore da viale Mazzini, ormai desueta, poiché vecchia di oltre 10 anni, che tra le cause di forza maggiore che potrebbero consentire alle parti di cessare, improvvisamente, il proprio contratto di lavoro, avrebbe previsto l’evenienza che la collaboratrice donna possa rimanere incinta.

La succitata nota, infine, avrebbe tenuto a rassicurare l’opinione pubblica sul desiderio che la RAI voglia, nel minor tempo possibile, modificare la cosiddetta clausola anti-gravidanza così da sedare qualsiasi dubbio in merito all’onesta ed alla correttezza dell’Azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>