La Terza Repubblica italiana

di Vito Verna Commenta

Gli elementi caratterizzanti un tale epocale passaggio ci sarebbero ormai davvero tutti e, adesso, non bisognerebbe far altro che aspettare che codesta miscela, potenzialmente esplosiva, sedimenti lasciando emergere vincitori e vinti della Seconda Repubblica, protagonisti e comparse della Terza Repubblica.

La Terza Repubblica italiana

Nel caso in cui qualcuno di voi si stesse ancora chiedendo il significato degli attuali sconvolgimenti politici italiani, domandandosi se e quando vi sarà il definitivo abbattimento della cosiddetta Seconda Repubblica a favore dell’ormai auspicata Terza Repubblica italiana, si rassereni e rassicuri poiché, quel preciso e, a nostro modo di vedere, catartico, momento, sarebbe arrivato proprio in questi giorni e, più in particolare, proprio in queste ore.

RECESSIONE DELL’ITALIA NEL 2011

Gli elementi caratterizzanti un tale epocale passaggio, d’altronde, ci sarebbero ormai davvero tutti, dalla disfatta giudiziaria della Lega Nord alla disfatta elettorale del Popolo della Libertà, dalla fondazione di un partito, o movimento che dir si voglia, estremamente moderato da parte di Luca Cordero di Montezemolo (partito oggi dato addirittura al 3,5% delle preferenze elettorali degli italiani) alla strabiliante, repentina ed improvvisa crescita del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, dall’impossibilità dei vecchi partiti politici di ridarsi un centro ed uno scopo (poiché, evidentemente, sorpassati dagli eventi) alla proposta di Silvio Berlusconi di modificare la Costituzione affinché l’Italia diventi una Repubblica semipresidenziale, sarebbero tutti stati resi evidentissimi in queste ultime ore e, adesso, non bisognerebbe far altro che aspettare che codesta miscela, potenzialmente esplosiva, sedimenti lasciando emergere vincitori e vinti della Seconda Repubblica, protagonisti e comparse della Terza Repubblica.

GIOVANI ITALIANI A RISCHIO POVERTA’

L’ITALIA E’ IN RECESSIONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>