I 7.500 evasori totali nullatenenti

di Vito Verna Commenta

Sono oltre 7.500 gli evasori totali italiani scoperti nel 2011 a seguito dei controlli della Guardia di Finanza.

Uno dei più gravi problemi economico-finanziari dell’Italia contemporanea, o per lo meno quello intorno al quale si stanno scatenando l’opinione e l’immaginario pubblico negli ultimi mesi, è quello dell’evasione fiscale, ormai criticata e disprezzata a tutto tondo.

La manovra salva-Italia, l’approvazione della bozza del decreto liberalizzazioni di venerdì 20 gennaio 2012, i generalizzati rincari del 2012 e molto altro ancora, avrebbero infatti contribuito all’aumento, da considerarsi in relazione all’entità delle retribuzioni ed al costo medio della vita inaccettabile o addirittura insostenibile, della pressione fiscale gravante su ogni cittadino italiano.

L’indignazione nei confronti dei furbetti, grandi o piccoli che siano, è dunque tornata a crescere insieme alla richiesta che, una volta per tutte, non solo venga fatta giustizia bensì che si cerchi, in ogni modo possibile, di scovare e denunciare gli evasori, destinando quanto emerso dai controlli della Guardia di Finanza alla generale riduzione delle tasse.

Le misure a tal proposito varate dal Governo Monti, concretizzatesi nel blitz di fine anno a Cortina, per quanto possano apparentemente sembrare efficaci potrebbero in realtà essere state emanate troppo tardi e scoprire, come avvenuto oggi, che nel 2011 ben 7.500 soggetti privati avrebbero evaso il 100% delle tasse, basterebbe da sé a commentare lo stato di salute dello Stato italiano.

I 7.500 EVASORI TOTALI NULLATENENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>