Abolizione del finanziamento pubblico ai partiti dal 2017

di G.V. Commenta

L'annuncio dell'approvazione del DDL che prevede l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti è arrivato direttamente tramite un tweet di Letta.

abolizione-finanziamento-pubblico-ai-partitiL’Abolizione del finanziamento pubblico ai partiti

L’annuncio dell’approvazione del DDL che prevede l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti è arrivato direttamente tramite twitter con un tweet del Presidente del Consiglio Letta. Il consiglio dei ministri ha approvato questa decreto legge che sarà in vigore dal prossimo anno e sarà graduale fino ad arrivare nel 2017 alla totale abolizione del finanziamento pubblico che non scompare del tutto essondoci la possibilità di donare il 2 per mille ai partiti sul 730 da parte dei cittadini. Sono conteplati nel ddl solo i partiti con statuto, che perderanno il finanziamento pubblico ma che potratto usufruire di sgravi fiscali su ogni tipo di spesa connessa alla loro organizzazione sul territorio e la concessione gratuita di spazi e servizi per la loro attività.

L’abrogazione del finanziamento sarà graduale

L’attuale contributo pubblico sarà ridotto del 60% il primo anno per poi scemare al 50% per il secondo poi al terzo sarà del 40% fino a giungere alla totale abolizione nel 2017. In questo anno gli unici canali di finanziamento dei partiti saranno le offerte volontarie dei sostenitori con detrazioni che vanno dal 52% per importi fra i 50 e 5000 euro e del 26% per tutti gli altri importi fino ad un massimo di 2omila euro e poi c’è la possibilità di ricevere la destinazione volontaria del 2 per mille.

Per Grillo una legge-truffa

I cinquestelle per nulla entusiasti di questo ddl nonostante comunque sia in linea con una delle loro proposte che era proprio l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. Per Grillo questo decreto è una legge-truffa perché non elimina del tutto il fatto che a finanziare i politici siano i soldi dei cittadini sopratutto per la possibilità del  2 per mille e poi c’è anche l’intoppo burocratico del riconoscere solo i partiti con statuto cosa che lascerebbe fuori da ogni agevolazione il movimento cinque stelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>