Addio alla pena di morte negli USA: percorso tortuoso avviato con Biden

di Daniele Pace Commenta

Alcune indicazioni che arrivano direttamente dagli Stati Uniti in queste ore

Sarà un percorso lungo e pieno di ostacoli quello avviato in queste settimane negli Stati Uniti, affinché si possa arrivare una volta per tutte all’abolizione della pena di morte. Ayanna Pressley sapeva che abolire la pena di morte non sarebbe stato un compito facile. In effetti, Pressley è consapevole che esortare il presidente Joe Biden ad abolire la pena di morte federale con un tratto di penna sarebbe solo l’inizio.

Pena di morte

La situazione sulla pena di morte negli Stati Uniti

Le sue parole, non a caso, danno l’idea di quanto possa essere complicato raggiungere un obiettivo del genere negli Stati Uniti, in un momento storico del genere: “Chiediamo a Biden di fare qualcosa che non è mai stato fatto”, ha detto martedì alla CNN il Democratico del Massachusetts in un’intervista.

Il Federal Death Penalty Prohibition Act del 2021 – introdotto insieme al senatore dell’Illinois Dick Durbin nel luglio 2019 e reintrodotto a gennaio – chiede l’abolizione della pena di morte, impedendo al Dipartimento di giustizia di cercare la punizione per casi futuri e risentendo l’attuale 49 uomini nel braccio della morte all’ergastolo senza possibilità di libertà condizionale.

“Ma alla fine, nonostante quelle cose che possono essere fatte con un’azione esecutiva che salverebbe vite umane, è davvero essenziale che il Congresso approvi la legislazione in modo che metta completamente fine alla pena di morte, la codifichi in legge e impedisca a un futuro presidente di ripristinarla nel linea”, ha detto Pressley.

Il disegno di legge prevede anche la distruzione della camera della morte nella prigione federale di Terre Haute, Indiana, dove 12 uomini e una donna sono stati giustiziati a un ritmo storico negli ultimi sette mesi dall’unico mandato di Donald Trump come presidente. Il disegno di legge di Pressley inizialmente ha ricevuto la co-sponsorizzazione di 12 democratici, compreso il defunto rappresentante del Maryland Elijah Cummings.

A partire da mercoledì, 90 membri del Congresso – incluso il primo repubblicano, il rappresentante del Michigan Peter Meijer – hanno co-sponsorizzato il disegno di legge e 265 organizzazioni e imprese hanno mostrato il loro sostegno, ha annunciato Pressley. La co-sponsorizzazione repubblicana arriva quando la visione americana della pena di morte è cambiata negli ultimi anni.

In un sondaggio Gallup del 2019, il 60% degli americani ha affermato che l’ergastolo senza possibilità di libertà condizionale era una pena migliore per l’omicidio rispetto alla pena di morte – la prima volta che la maggioranza ha affermato che da quando Gallup ha iniziato a porre la domanda nel 1985. Insomma, una prima svolta culturale per l’abolizione della pena di morte negli Stati Uniti pare ci sia stata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>