Sileri anticipa possibili limitazioni al vaccino AstraZeneca in Italia

di Daniele Pace Commenta

Dovrebbero arrivare oggi 7 aprile alcuni aggiornamenti importanti su questo vaccino

Il caso del vaccino AstraZeneca inevitabilmente richiama anche valutazioni di tipo politico, al punto che in queste ore il governo pare stia valutando la possibilità di limitare l’utilizzo del prodotto solo agli over 60. Tiene banco, dunque, il tema della possibile correlazione tra la somministrazione e alcuni casi di trombosi.

Esiste un collegamento tra il vaccino COVID-19 di AstraZeneca e casi molto rari di coaguli di sangue, ma le possibili cause sono ancora sconosciute, ha detto martedì un alto funzionario dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA). Tuttavia, un funzionario dell’OMS non ha visto alcun collegamento di questo tipo “per il momento”, sottolineando che i benefici del vaccino erano “in gran parte ancora positivi” rispetto ai suoi rischi.

Vaccino AstraZeneca

Come la politica italiana sta gestendo il caso del vaccino AstraZeneca

Esiste un nesso di causalità tra il vaccino contro il coronavirus sviluppato da AstraZeneca e casi molto rari di coaguli di sangue, anche se non è chiaro quale sia la connessione e le possibili cause sono ugualmente ancora sconosciute, un senior European Medicines. Questo, almeno, quello che ha detto un esperto dell’Agenzia (EMA) al quotidiano italiano Il Messaggero a proposito del vaccino AstraZeneca.

“È chiaro che esiste un’associazione” tra il vaccino e le dozzine di coaguli di sangue segnalati, ha detto Marco Cavaleri, responsabile della strategia per le minacce alla salute e i vaccini dell’EMA.

“Tali casi sono estremamente rari e i benefici (del vaccino) superano ancora ampiamente i rischi”, ha sottolineato.

“Eppure, sta diventando sempre più difficile dire che non esiste una relazione di causa-effetto tra la vaccinazione con AstraZeneca e casi molto rari di coaguli di sangue insoliti associati a un basso numero di piastrine”, ha detto.

Nella sua ultima valutazione degli eventi embolici e trombotici riportati dopo la vaccinazione contro il coronavirus pubblicata il 24 marzo, l’EMA ha esaminato 258 casi di questo tipo (45 dei quali fatali) che si sono verificati in Europa su quasi 20 milioni di prime dosi del vaccino somministrato. Ora, forse, potrebbero cambiare le cose per il vaccino AstraZeneca.

Il 31 marzo, l’agenzia ha spiegato che tale valutazione non ha rivelato “alcun fattore di rischio specifico, come età, sesso o una precedente storia medica di disturbi della coagulazione per questi eventi molto rari”.

“Un nesso causale con il vaccino non è dimostrato ma è possibile, e ulteriori analisi sono in corso”, ha aggiunto. Cavaleri ha detto martedì al quotidiano italiano che il processo di valutazione era “tutt’altro che finito”. L’EMA dovrebbe fornire una nuova valutazione sull’uso del vaccino AstraZeneca presto, forse entro oggi 7 aprile, ha detto martedì su Twitter il commissario per la salute dell’Unione europea (UE) Stella Kyriakides.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>