Il Nuovo Centrodestra vuole essere protagonista nella discussione sulla legge elettorale

di Alba D'Alberto Commenta

Il segretario del Nuovo Centrodestra Angelino Alfano sottolinea il suo ruolo di alleato di governo del Pd e si inserisce nel dibattito sulla legge elettorale, dopo che nei giorni scorsi c’era stato l’incontro tra i rappresentanti di Renzi e Berlusconi. In effetti, al Nuovo Centrodestra la mossa di Renzi di trovare in Berlusconi l’interlocutore privilegiato non sarà piaciuta. Alfano è sembrato essere stato messo in disparte e rapidamente c’è stata la precisazione. Oggi Alfano ha affermato: “Io ho separato la mia strada da Silvio Berlusconi solo per una ragione e cioè che la priorità che non condividevo era quella di far cadere il governo, mentre per noi era affrontare la crisi economica”.
Alfano precisa quindi il suo ruolo di governo e richiama il Pd a discutere con lui sulla legge elettorale. Il vicepresidente del Consiglio ha detto: “Dobbiamo cambiare la legge elettorale per ridare la possibilità ai cittadini di scegliere, e dobbiamo ridurre le tasse. Facciamo questo in dodici mesi e mettiamolo in un contratto e poi l’anno prossimo andiamo al voto”.
Ci tiene Alfano a sottolineare la differenza con Forza Italia rispetto al ruolo nei confronti del governo: “Io sono componente di questo governo e farlo cadere ora peggiorerebbe la situazione. Il tema non è dove si comincia ma dove si arriva. Noi vogliamo stabilizzare il governo e non destabilizzarlo. Ecco perchè io dico: ci sono dei gruppi che sostengono il governo, intendiamoci su una base comune all’interno della maggioranza e poi parliamo con gli altri, da Forza Italia a tutti gli altri”.
La sfida con Renzi alle prossime elezioni potrebbe essere fondamentale e Alfano ha parlato del nuovo segretario del Pd: “Renzi nel suo discorso ha chiarito di essere un leader di sinistra-sinistra, noi invece siamo moderati per cui alternativi. Ora aspettiamo di capire se sarà più vicino alla Cgil o alla sinistra socialdemocratica. È normale tutta questa adrenalina. Ha vinto il congresso del suo partito diventandone il segretario. Deve rappresentare il cambiamento. Mi auguro che tutta questa adrenalina la utilizzi a far andare avanti il governo”.
Dopo l’incontro con Berlusconi, la strategia di Renzi sulla legge elettorale sembrava chiara, il maggioritario tenendo fuori il Nuovo Centrodestra. Renzi ha proposto a Berlusconi il Mattarellum più premio, ma probabilmente il rapporto non è andato per il meglio e sono necessari ulteriori contatti e altre convergenze politiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>