Bollettino Bce aggiornato sulla crisi

di Lucia Guglielmi Commenta

La fotografia del bollettino Bce di agosto del 2012 con il quale la Banca centrale caldeggia interventi strutturali da un lato, e ribadisce nello stesso tempo l’irreversibilità dell’euro.

Nell’area euro ci sono ancora rischi, e per evitare che diventino sistemici i Governi dovranno approntare adeguate misure. Secondo la Bce, Banca centrale europea, infatti, permane il rischio di aumento della disoccupazione e di un aumento dell’insolvenza delle imprese a fronte di un possibile calo dell’inflazione a causa proprio del quadro recessivo.

E’ questa, in estrema sintesi, la fotografia del bollettino Bce di agosto del 2012 con il quale la Banca centrale caldeggia interventi strutturali da un lato, e ribadisce nello stesso tempo l’irreversibilità dell’euro.




LA SPAGNA CHIEDERA’ 100 MILIARDI EURO ALL’UNIONE EUROPEA

E così, sul 2012, la Bce stima un calo del Pil area euro dello 0,3% per poi aumentare di un modesto 0,6% il prossimo anno. Ed in caso di deterioramento delle condizioni sui mercati finanziari, secondo la Bce occorre che siano attivate le misure di sostegno all’obbligazionario attraverso i fondi dell’Efsf.

LA SPAGNA DECLASSATA A SPAZZATURA RISCHIA IL CRAC

Intanto dopo i valori elevatissimi dei giorni scorsi, lo spread Btp-Bund sui mercati è tornato a scendere. In chiusura oggi si è attestato in calo dell’1,15% a 442 punti base rispetto ai valori della vigilia. Il differenziale è chiaramente ancora troppo alto, ma comunque di circa ottanta punti base inferiore al valore di 520 punti base toccato nei giorni scorsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>