Monti conferma che l’economia italiana è ancora a rischio

di Vito Verna Commenta

Nel corso di una videoconferenza con l'Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Italiane, il Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti sarebbe tornato sui temi caldi dell'attualità politica e finanziaria

Monti conferma che l'economia italiana è ancora a rischio

Nel corso di una videoconferenza con l’Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Italiane, il Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti sarebbe tornato sui temi caldi dell’attualità politica e finanziaria sostenendo come l’Italia sia ben lungi dall’essere completamente fuori pericolo e come il proprio governo abbia perso il consenso dei poteri forti.

PDL E PD SI DIVIDONO L’AGCOM

“Il mio Governo e io abbiamo sicuramente perso negli ultimi tempi l’appoggio che gli osservatori ci attribuivano da parte dei cosiddetti poteri forti: in questo momento  non incontriamo il favore di un grande quotidiano, considerato voce autorevole dei poteri forti, e non incontriamo il favore di Confindustria”.

I PRIVILEGI DEI CONSIGLIERI REGIONALI TRENTINI

Queste le parole del premier Monti che, con ogni evidenza, si riferirebbe al celeberrimo quotidiano nazionale Corriere della Sera, che nei più recenti articoli dimostrerebbe un’inconsueta tendenza non filo-governativa quale quella abituale.

(DIS)ONOREVOLI ASSENTEISTI

Inoltre, nonostante Angela Merkel e la politica del più duro rigore stiano cominciando a venir messe da parte sia dalla Francia che dagli Stati Uniti d’America, Mario Monti avrebbe sostenuto, ancora una volta, la necessita costitutiva e la fondamentale importanza della tenuta di bilancio che entro pochissimi anni dovrebbero divenire le primarie prerogative di ogni Stato Occidentale ed industrializzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>