Posta elettronica certificata gratuita per i cittadini

di Giuseppe Aymerich 1

Non ha ottenuto molta attenzione da parte degli organi di stampa, ma una delle modifiche parlamentari al decreto..

Non ha ottenuto molta attenzione da parte degli organi di stampa, ma una delle modifiche parlamentari al decreto anticrisi potrebbe in realtà avere un effetto personale importante nei confronti di ogni cittadino.
Si tratta dei commi dal quinto all’ottavo dell’articolo 16-bis della legge di conversione (Legge 2/2009), che afferma testualmente che “ai cittadini che ne fanno richiesta è attribuita una casella di posta elettronica certificata”.

Entro il mese di aprile un decreto del presidente del Consiglio dei Ministri stabilirà le caratteristiche tecniche e le modalità di rilascio di questo servizio, che dovrebbe essere del tutto gratuito per gli italiani e a carico del bilancio dello Stato. Il riferimento ai “cittadini”, comunque, fa presumere l’esclusione dal beneficio non solo per le persone fisiche senza passaporto italiano ma anche per tutti gli enti privati di ogni genere, incluse le società.


La stessa norma prevede l’attribuzione di una casella di posta elettronica certificata ad ogni ente pubblico, ed essa diverrà l’unico strumento di comunicazione fra gli enti stessi.
Poiché la posta elettronica certificata consente di attribuire con ragionevole certezza l’identificazione di mittente e destinatario, le comunicazioni tramite questo strumento telematico avanzato hanno la stessa valenza legale dell’ordinaria raccomandata postale, che anzi dovrebbe cadere rapidamente in disuso negli anni a venire.


Possiamo perciò immaginare che chi si avvarrà di questo servizio troverà in futuro gli avvisi di ogni genere provenienti dagli enti pubblici non più nella cassetta postale bensì sul suo computer.
La misura rientra nel più ampio e complesso quadro delle misure adottate dai vari governi negli ultimi anni per ridurre l’impiego della carta e favorire la migrazione verso una diffusa digitalizzazione dei servizi pubblici.

Commenti (1)

  1. Salve, mi chiamo Pasquale e vivo nel sud italia dove purtroppo la mentalità riguardo le persone disabili è risalente circa agli anni 1968-70.
    Io sono un disabile in sedia a rotelle per lesione al midollo spinale ed avrei una domanda che penso interessi anche altri soggetti.
    Dunque, al di la se all’inizio possa essere a pagamento, con abbonamento oppure no, il punto è: a)- possono avere l’uso della posta PEC i soggetti privati cittadini?,
    b) – quando sarà aperto anche ai comuni cittadini e quando, se si, potrà essere accesso gratuito?, come se volesse essere finalmente una mera applicazione di una legge del nostro stato, magari. . .dico!
    Salutoni, Pasquale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>