Agenda digitale e ritardo nella banda larga

di Vito Verna Commenta

L'Italia, a causa del proprio ritardo nello sviluppo della banda larga, sacrificherebbe, ogni anno, una cifra, letteralmente esorbitante, compresa tra l'1 e l'1,5% dell'intero Prodotto Interno Lordo.

Agenda digitale e ritardo nella banda larga

Mentre il ministro delle Sviluppo Economico e delle Infrastrutture Corrado Passera rassicura gli italiani sulle buone intenzioni del Governo Monti in materia di internet, sviluppo della banda larga, agenda digitale e quant’altro, ribadendo, ancora una volta, come i primi benefici effetti dell’impegno dell’attuale esecutivo dovrebbero cominciare ad intuirsi sin da giugno 2013, l’Europa, che in questi giorni ci avrebbe bacchettato sulla scottante questione della corruzione e delle leggi dell’Unione Europea anti-corruzione non ancora ratificate dall’Italia, torna a redarguirci in merito, appunto, alla delicata situazione dell’Information and Communication Technology in Italia.

DECRETO PATRONI GRIFFI SULLE SEMPLIFICAZIONI

Il commissario europeo all’agenda digitale Neelie Kroes, oggi presente a Roma in occasione del Forum della Confindustria Digitale, avrebbe snocciolato una serie di dati quanto mai inquietanti nonché indicativi del disagio che starebbe, ancora oggi, patendo l’Italia.

PIANO SBLOCCA-IMPRESE DEL GOVERNO MONTI

Ebbene, stando a quanto dichiarato da Neelie Kroes, l’Italia, a causa del proprio ritardo nello sviluppo della banda larga, ormai presente in moltissimi luoghi d’Europa, sacrificherebbe, ogni anno, una cifra, letteralmente esorbitante, compresa tra l’1 e l’1,5% dell’intero Prodotto Interno Lordo.

LEGGE GASPARRI SUL RIASSETTO DEL SISTEMA TELEVISIVO

Ciò che sarebbe peggio, però, sarebbe il generale disinteresse delle istituzioni nazionali nei confronti di un settore che, entro i prossimi 3 anni, necessiterà, solamente in Europa, di oltre 700.000 professionisti altamente qualificati.

Peccato, però, che l’Italia, che tra tutti i Paesi dell’Unione Europea deterrebbe il più alto capitale umano di laureati in materie dell’Information and Communication Technology, stia letteralmente sprecando questa fondamentale risorsa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>