La crisi spiegata come una favola moderna

di Vito Verna Commenta

Particolarità del libro quella di essere double-face così da poter presentare, contemporaneamente, sia la visione della crisi da parte della destra portoghese sia la visione della crisi da parte della sinistra portoghese.

La crisi spiegata come una favola moderna

Succede in Portogallo dove, per spiegare l’attuale crisi economica e finanziaria, a grandi e piccini, João Miguel Tavares, popolare autore contemporaneo portoghese, avrebbe deciso di scrivere un libro grazie al quale i più complessi ed importati concetti economici e finanziari, quali quelli di deficit pubblico, debito pubblico, speculazione, troika e mercati azionari, possano venir descritti con parole semplici nonché di immediata comprensione.

I TAGLI ALL’UNIVERSITA’ NELLA SPENDING REVIEW

Il libro, che si presenta quale una favola moderna il cui scopo, oltre modo nobile, sarebbe quello di spiegare la genesi della crisi portoghese, non sarebbe però indirizzato, come ci si potrebbe attendere, esclusivamente ai bambini giacché, grazie a questa particolare tecnica di comunicazione, moltissimi adulti potrebbero venir a conoscenza di concetti sino ad oggi totalmente ignorati, piuttosto che di questioni estremamente complesse, nonché di risvolti del tutto inesplorati.

IL SENATO APPROVA LA SPENDING REVIEW

Particolarità del libro quella di essere double-face così da poter presentare, contemporaneamente, sia la visione della crisi da parte della destra portoghese sia la visione della crisi da parte della sinistra portoghese.

LA MANCATA AUTONOMIA DEL GOVERNO MONTI

Forze politiche, che, grazie a questo libro, non solo rendono estremamente chiare le proprie attuali posizioni bensì anche le proprie concrete proposte per porre, finalmente, fine alla crisi economica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>