Il lavoro non è più scontato

di Vito Verna Commenta

La conclusione è l'unica che si potrebbe trarre in un caso come questo: il lavoro non è più naturale ne scontato.

Il lavoro non è più scontato

Siamo oggi di fronte ad una verità che, per certi versi, sarebbe purtroppo giusto ed a tutti gli effetti corretto definire inconfessabile ed inenarrabile per le conseguenze e le ripercussioni, gravissime, che essa potrebbe riversare su tutta la popolazione italiana.

MARIO MONTI CONFERMA LA POSSIBILITA’ DEGLI EUROBOND

Partiamo dai dati statistici e dalla incontestabile veridicità dei fatti e dei numeri.

UE E BCE LAVORANO ALL’USCITA DELLA GRECIA DALL’EURO

Il tasso di disoccupazione italiano, ad aprile 2012, sarebbe cresciuto sino a raggiungere l’impensabile ed incredibile livello del 10,2%. Un valore tanto alto, per lo meno stando a quanto rivelato dall’Istituto Nazionale di Statistica, da non essere mai stato eguagliato sin dall’inizio delle serie storiche ISTAT (che, come certamente ricorderete, il summenzionato istituto di statistica cominciò a redarre nel 2004).

L’ITALIA E’ IN RECESSIONE PER IL TERZO TRIMESTRE CONSECUTIVO

Il terremoto emiliano, come sicuramente saprete, avrebbe letteralmente messo in ginocchio una delle aree maggiormente produttive del Paese alla quale serviranno anni, se non addirittura decenni, per tornare agli attuali livelli di efficienza.

La conclusione, evidentissima, è l’unica che si potrebbe trarre in un caso come questo: il lavoro non è più naturale ne scontato e, se fino a qualche anno fa chiunque avrebbe potuto contare sul fatto che, prima o poi nella propria vita, avrebbe avuto accesso ad un contratto di lavoro a tempo indeterminato, codesta certezza sarebbe in questi giorni venuta definitivamente a mancare facendo crescere l’incertezza, il precariato, la preoccupazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>