La disoccupazione è arrivata al 10,5%

di Vito Verna Commenta

A rendere ben peggiore la situazione di quanto in realtà già non sia ci penserebbero, poi, i dati relativi ai lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo determinato ed ai lavoratori precari.

La disoccupazione è arrivata al 10,5%

Gli effetti della riforma del mercato del lavoro e della riforma delle pensione del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Elsa Fornero ancora tardano a farsi sentire e, nonostante l’economia e la finanza stiano andando decisamente meglio che in passato, con i mercati in forte rialzo per tutto il mese di agosto 2012 e lo spread ormai stabile intorno a quota 400, la disoccupazione continuerebbe a crescere e l’occupazione a tempo indeterminato continuerebbe a decrescere.

RIFORMA DEL LAVORO SFATA IL MITO DELL’ARTICOLO 18

In particolar modo, stando a quanto recentemente rilevato dall’Istituto Nazionale di Statistica, nel secondo trimestre del 2012 la disoccupazione sarebbe cresciuta del 2,7% su base annua andando di conseguenza a toccare il 10,5%.

RIFORMA DEL WELFARE 2012

Si tratta purtroppo, su base tendenziale, del dato più alto mai registrato a partire dalla fine del secondo trimestre dell’ormai lontano 1999.

RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

A rendere ben peggiore la situazione di quanto in realtà già non sia ci penserebbero, poi, i dati relativi ai lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo determinato ed ai lavoratori precari.

I primi, mai cosi tanti nella recente storia italiana (ovverosia a partire dal 1993 stando a quanto dichiarato dell’ISTAT), sarebbero stati, nel secondo trimetre del 2012, addirittura 2.455.000 mentre i secondi, anche in considerazione dei lavoratori assunti con contratto di collaborazione, sarebbero stati, nel medesimo arco temporale, più di 3.000.000.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>