PdL e Pd si dividono l’AGCOM

di Vito Verna Commenta

Se qualcuno ancora si stesse chiedendo e domandando quale mai potrebbe essere la ragione fondante del successo di Beppe Grillo potrebbe davvero aver ricevuto, nella giornata di oggi, un'illuminazione oltremodo chiarificante

PdL e Pd si dividono l'AGCOM

Se qualcuno ancora si stesse chiedendo e domandando quale mai potrebbe essere la ragione fondante del successo di Beppe Grillo, del grillismo e dell’antipolitica a dispetto di quella che, da sempre, saremmo abituati a chiamare proprio politica, potrebbe davvero aver ricevuto, nella giornata di oggi, un’illuminazione oltremodo chiarificante a causa del barbaro spettacolo al quale avremmo noi tutti, cittadini italiani, assistito nel corso delle nomine dei garanti delle telecomunicazione e della privacy.

LAVORO IN NERO SEMPRE PIU’ DIFFUSO

I due delicati argomenti, piuttosto che venir dibattuti, anche a causa dell’attuali clima politico, economico e finanziario, in un clima di aperta cordialità e di pubblico confronto con la cittadinanza tutta, sarebbero divenuti i castelli nei quali i vecchi politici di oggi si sarebbero arroccati in strenua difesa dei propri, apparentemente intramontabili, privilegi.

HOLLANDE, LE PEN E LA CRISI DEI MERCATI

Davvero a nulla, dunque, sarebbero valsi gli appelli di equità e serietà e se il PdL, ignorando i curricula presentati dai candidati, avrebbe preteso la nomina di ben due candidati dell’AGCOM, non da meno sarebbe stato il PD che, oltre a lasciar campo libero, e totalmente indisturbato, al PdL, avrebbe esso stesso richiesto la possibilità di scegliere almeno uno dei quattro rappresentati delle su indicate autorità garanti.

LA CRISI ECONOMICA E’ DIVENTATA CRISI POLITICA E SOCIALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>