Le 43 Province salvate dal decreto Spendig review

di Vito Verna Commenta

Il Consiglio dei Ministri avrebbe stabilito che a venir salvate saranno esclusivamente le 43 Province italiane il cui territorio sia superiore ai 2.500 chilometri quadrati e i cui abitanti siano più di 350.000.

Le 43 Province salvate dal decreto Spendig review

Stando a quanto stabilito da una recente delibera del Consiglio dei Ministri, emanata solamente ieri sul delicato argomento del riordino delle Province (riordino, infatti, è la parola che, alla fine, sarebbe stata scelta per far meglio digerire agli enti locali i sostanziosi provvedimenti contenuti nel decreto Spendig review), avrebbe definitivamente stabilito i criteri sulla base dei quali verranno scelte le Province da salvare, da accorpare o, purtroppo, definitivamente da eliminare.

LA FINE DELLO STATO SOCIALE

In particolar modo, stando a quanto reso noto dai più differenti organi di informazione italiani, il Consiglio dei Ministri avrebbe stabilito che a venir salvate saranno esclusivamente le 43 Province italiane, tra le quali figurerebbero anche quelle particolari Province destinate a divenire Città Metropolitane (sarebbero in tutto, queste ultime, 10), il cui territorio sia superiore ai 2.500 chilometri quadrati e i cui abitanti siano più di 350.000.

RECORD FALLIMENTI PMI NEL 2011

Importantissimo, poi, il fatto che stabilire quali Province dovranno venir accorpate e quali soppresse non sarà la Stato in totale e completa autonomia bensì, fortunatamente, i Consigli delle più differenti autonomie locali che, entro fine anno, dovranno presentare alla propria Regione di appartenenza uno specifico progetto di riordino che, solamente a questo punto, verrà sottoposto al vaglio dello Stato centrale affinché definitivamente decida il da farsi.

RECORD DISOCCUPATI FEBBRAIO 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>