Grillo contro Letta e Napolitano

di Ranieri Commenta

167124139

Di nuovo Beppe Grillo alla ribalta. Il leader del Movimento a cinque Stelle, nelle ultimissime settimane, sta monopolizzando una volta ancora le edizioni di telegiornali e dei principali quotidiani nazionali e non per i suoi attacchi. I destinatari sono abbastanza facili da individuare perché, con una battuta semi seria, potremmo dire che i destinatari degli strali di Beppe Grillo sono tutti. E quando si parla di tutti si fa riferimento in modo pressocchè univoco e indistinto all’intera classe politica del nostro Paese.

Le accuse di Grillo

A conti fatti le esternazioni degli ultimi giorni del leader del Movimento a Cinque stelle sono da catalogare nella strategia elettorale, o meglio, nella risposta di partito alla grossa e forse inaspettata sconfitta elettorale che il Movimento a Cinque stelle ha portato a casa nella tornata di elezioni comunali in giro per l’Italia di circa 10 giorni fa. Le esternazioni di oggi, di contro, sono assolutamente differenti perché muovono accuse serissime e pesantissime all’attuale governo di unità nazionale del presidente del Consiglio Enrico Letta (leggi anche: Grillo contro Floris, Gabanelli e Rodotà).

Napolitano e Letta

A quanto pare l’ottica di Grillo è questa: l’attuale governo nasce sotto la pressione della finanza internazionale, e dall’emergenza dettata dai processi di Berlusconi, l’inchiesta sul Monte dei Paschi di Siena e la trattativa Stato mafia.  Ovviamente, in maniera intuibile, anche l’attuale presidente del consiglio finisce nella rete di Grillo che ormai non è la prima volta che lo chiama in causa per il suo presunto immobilismo e per essere poco più che un prestanome per gli interessi che hanno fatto nascere un tipo di governo di questo tipo e che sono gli stessi che ne scrivono l’agenda politica quotidianamente lasciandone a Letta una guida poco più che di facciata. E, ancora, il leader del Movimento a Cinque Stelle se la prende anche con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (leggi anche: Napolitano sulla disoccupazione giovanile), reo, a suo avviso, di un vero e proprio abuso di potere nel definire che il governo Letta avrà una durata di 18 mesi oltre che nel ritenerla una durata opportuna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>