Operai costretti a lavorare nonostante il sisma

di Vito Verna Commenta

Compito nostro è quello di interrogarci sul destino delle numerose vite che sarebbero andate irrimediabilmente perdute e sul destino degli italiani e dell'Italia che, purtroppo, ancora oggi costringe i propri figli a lavorare in fabbriche insicure per uno stipendio da fame.

Operai costretti a lavorare nonostante il sisma

Mirandola, Medolla, Cavezzo, San Felice sul Panaro. Questi i nomi dei paesi, 50.000 anime in tutto di cui oltre 15.000 sfollati e 17 deceduti, letteralmente spazzati via dagli sciami sismici che, a partire dalla notte tra sabato 19 maggio e domenica 20 maggio 2012, starebbe continuando a scuotere, sconvolgere, rivoltare, affossare ed innalzare la pianura padana cominciando a darle quella forma, probabilmente collinare, che fra qualche secolo potrebbe assumere.

IL SISMA IN EMILIA POTREBBE DURARE ANCORA MOLTI ANNI

Il dramma però, il vero dramma, è un altro. Nella tragica giornata di martedì 29 maggio 2012, segnata da ben due scosse sismiche di magnitudo superiore ai 5 gradi della scala Richter, molte persone, troppe persone, sono morte poiché si trovavano all’interno delle numerosissime piccole, medie e grandi imprese della zona che, come certamente saprete, si sarebbero letteralmente sgretolate, cadendo a pezzi, sotto l’onda d’urto del terremoto alla quale, tuttavia, avrebbero dovuto tranquillamente resistere.

PETIZIONE ONLINE PRO TERREMOTATI

Chi confermò, dopo il primo sciame sismico di ormai due settimane fa, l’agibilità dei capannoni crollati non è certamente nostro compito dirlo ne, tanto meno, indagare sulla scabrosa vicenda sulla quale, comunque, la procura di Modena avrebbe in queste ore aperto un fascicolo per omicidio colposo.

TERREMOTO, CALCIO E VATICANO SCUOTONO L’ITALIA

Compito nostro è quello di interrogarci sul destino delle numerose vite che, sotto quei capannoni crollati, sarebbero andate irrimediabilmente perdute e sul destino degli italiani e dell’Italia, di un’Italia che, purtroppo, ancora oggi costringe i propri figli, a causa di contratti di lavoro che, in considerazione degli eventi appena accaduti, definire immorali ci sembra ben poca cosa, a lavorare in fabbriche insicure per uno stipendio da fame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>